Lo Specchio vede molte cose: un viaggio nel passato

Domenica 6 aprile alle ore 18 presso la sala Delmo Veronese  (al primo piano della Pro Loco, a fianco dell’ingresso principale dei giardini del Castello di Este), si è tenuto il terzo e ultimo appuntamento della rassegna letteraria Un Libro per domarli, un Libro per trovarli, un Libro per ghermirli e nel buio incatenarli organizzata dalla nostra associazione.

La giornata soleggiata ha reso più difficoltoso il chiudersi tra quattro mura ma la gente ha risposto con una buona affluenza all’evento dal titolo “Lo Specchio vede molte cose: un viaggio nel passato” interamente dedicato alla Storia,  con ospiti Matteo Strukul  e Barbara Codogno. Matteo ha presentato per noi La giostra dei fiori spezzati, un thriller gotico edito dalla Mondadori ambientato nella Padova dell’Ottocento.

Durante l’incontro sono state proiettate sul muro foto dell’epoca per dare un’idea dei luoghi frequentati da Alexander Weisz, il famoso criminologo protagonista del romanzo di Strukul e immagini attuali raccolte dal contest fotografico realizzato su Instablog da Il Blog di Padova attorno all’hashtag #gothicpadovaBarbara Codogno, giornalista del Corriere del Veneto, ha raccontato poi le sue favole per adulti raccolte sotto il titolo “P.C.R. Per colpa ricevuta”: una deformità fisica e morale colpisce quasi sempre i fratelli gemelli (Arthur e Gregor, Stephan e Pawelek) e l’odio degli impuri prevale in un mondo in cui aleggia, come una novella spada di Damocle, il macigno delle colpe dei padri. A introdurla c’era Andreina Bardus, redattrice della casa editrice Cleup.
Il moderatore Luca Settimo, un regista di corti che ha ottenuto riconoscimenti internazionali, si è dimostrato molto attento e sensibile alle tematiche presentate.

Ha chiuso poi l’appuntamento il Maestro di scherma storica Marco Pegoraro della Compagnia del Lupo Passante di Monselice che ha illustrato le dimostrazioni che verranno fatte a Este in gioco il 4 maggio. Con lui c’era il presidente Sara Pegoraro.

Gli interventi musicali, a cura del duo voce – chitarra Marco Magro – Gioele Ferin, hanno infine dato modo di allietare le orecchie tra un discorso e l’altro. A seguire c’è stato l’aperitivo offerto dall’associazione. 

Un vivo ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito alla buona riuscita di questi incontri, in particolare alla nostra responsabile alla cultura Camilla Bottin che ha ideato e concretizzato questa iniziativa.

Foto

Foto della sala Delmo Veronese (con le opere di Serafina Guariento)
Foto dell’evento

Rassegna stampa

Articolo su Estensione di Andrea Pettenuzzo
Articolo di Cesaro su Il mattino di Padova in copertina

Il Sentiero dei Draghi